Quanto costa il frazionamento catastale

Il frazionamento è un’operazione che comporta la suddivisione di un terreno o di un immobile in diverse singole unità. Questo tipo di pratica si può svolgere per motivazioni diverse, ad esempio in seguito alla morte del proprietario, o per vendere i singoli lotti, tutti o solo qualcuno. In ogni caso, il costo dell’operazione dipende da una serie di fattori.

Come si procede

Per procedere al frazionamento terreni e immobili è importante rivolgersi ad un professionista del settore edilizio. Questo perché buona parte delle operazioni da svolgere necessitano di specifiche conoscenze in questo ambito e, inoltre, è necessario utilizzare alcuni software cui possono accedere solo geometri, ingegneri o architetti iscritti all’albo.

Il privato cittadino non può quindi, da solo, effettuare tutte le operazioni che riguardano un frazionamento. Il costo totale dell’operazione comprende quindi anche l’onorario del professionista contattato. Costui dovrà, come prima cosa, preparare un progetto del frazionamento, procurandosi le mappe catastali della proprietà in questione ed effettuando un sopralluogo, in modo da comprendere se sia necessario effettuare dei lavori per attuare, nei fatti il frazionamento.

Frazionare un immobile

Nel caso in cui si debba frazionare un terreno tale pratica comporta solo la presentazione del progetto di frazionamento tramite un apposito programma disponibile in rete, chiamato PREGEO. Per quanto riguarda invece il frazionamento di un’unità immobiliare si dovrà utilizzare il software DOCFA, che permette di dare vita a diverse unità immobiliari, partendo da una singola più grande.

In tale situazione si potranno evidenziare alcuni obblighi di legge, che potrebbero portare alla necessità di svolgere alcune opere edili, come ad esempio la dotazione di ogni unità dei servizi igienici necessari, o di un ingresso.

Il frazionamento infatti dovrà portare a predisporre delle unità immobiliari che si trovino nel totale rispetto delle regole vigenti nel comune in cui si trovano. Il costo del frazionamento quindi comprenderà anche questo tipo di voce, che potrà essere attuata solo dopo aver richiesto al comune le necessarie autorizzazioni.

I diritti catastali

Il frazionamento comprende diverse fasi; si parte dalla progettazione, per poi passare alla richiesta delle autorizzazioni da parte degli enti locali; in seguito si svolgono i lavori necessari e si dovranno presentare al catasto i nuovi mappali.

In tale fase è necessario saldare i cosiddetti diritti catastali, il cui ammontare dipende dal tipo di frazionamento,  e dall’entità dell’immobile o del terreno che si intende suddividere. Al termine del frazionamento sarà necessario anche contattare un notaio, che registrerà le nuove unità abitative venutesi a creare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *