Istat: nel 2015 in Italia 4.5 milioni di poveri assoluti

In Italia è ancora molto diffusa la povertà assoluta. Crisi anche nel lavoro, mentre va meglio la pressione fiscale.

La povertà assoluta in Italia, nel 2015, coinvolgeva il 6.1% delle famiglie residenti, cioè 4 milioni e 598 mila individui. E’ quanto emerge dal rapporto “Noi Italia” stilato dall’Istat. I valori sono stabili rispetto al 2014, e lo sono sia per incidenza di povertà assoluta sia per incidenza di povertà relativa.

Rispetto al 2014, però, sono in netto peggioramento le condizioni delle famiglie con 4 componenti, che se prima versavano in uno stato di povertà nella misura del 6.7% del totale, ora sono invece il 9.5%. Il 10.4% delle famiglie invece è relativamente povero con 8 milioni e 307 mila individui coinvolti.

Per quanto riguarda il lavoro, risulta che in Italia, nella fascia di età che va dai 20 ai 64 anni, sono occupate poco più di 6 persone su 10. Si tratta del dato peggiore di tutta l’Unione Europea, fatta eccezione per la Grecia che continua ad essere ultima in classifica.

Nel 2016, tra i 20 e i 64 anni era occupato il 61.6% della popolazione, con un netto squilibrio di genere a favore degli uomini (71.6% di uomini occupati contro il 51.6% delle donne). Notevole anche il divario tra Centro Nord e Sud (69.4% contro il 47%). A fare meglio di tutti sul fronte dell’occupazione è la Svezia, Paese nel quale più dell’80.5% delle persone ha un lavoro.

Infine, i dati sul Fisco. Nel 2016 la pressione fiscale in Italia è calata al 42.9%, in riduzione di 0.7 punti percentuali rispetto al biennio 2012-2013 nel quale si era registrato il picco massimo. Nonostante questo, il nostro resta uno dei Paesi più tartassati, superato soltanto dalla Francia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code