Pagamenti Pa, alle imprese mancano ancora 46 miliardi

I pagamenti della Pa alle imprese private migliorano, ma c’è ancora molto da fare…

Diversi governi hanno provato a smaltire l’arretrato di fatture che la Pubblica Amministrazione deve ancora pagare ai privati. Pian piano qualcosa si è cominciato a muovere e anche i tempi di pagamento medio hanno ripreso il passo. Ma c’è ancora molto da fare: nel 2016, tra gli acquisti di beni e servizi e gli investimenti fissi lordi, la Pa italiana ha fatturato 160 miliardi di euro ai propri fornitori e alle imprese appaltatrici.

“Nella totale assenza di dati ufficiali, le stime ci dicono che una parte di questi soldi non sono mai stati saldati e che questa fetta oscilli tra i 32 e i 46 miliardi di euro” spiega l’Ufficio studi della Cgia di Mestre.

Ciò che stupisce è che ormai da due anni le imprese e i professionisti che lavorano con la Pa si ritrovano a dover emettere la fattura elettronica. Eppure la digitalizzazione delle fatture non è servita affatto a fare chiarezza sull’ammontare dei debiti arretrati “per il semplice motivo che una parte dei committenti pubblici pagano senza passare per la piattaforma e con scadenze che vanno ben oltre i termini fissati dalla legge”.

Inoltre, aggiunge Paolo Zabeo, coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia, a tutto ciò si aggiunge la “presa in giro” dello split payment che prevede che a versare l’Iva all’Erario sia direttamente l’acquirente del bene o del servizio: un mancato incasso per l’impresa che, pur essendo questo un meccanismo tipico da partita di giro, peggiora comunque la situazione della liquidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code