Migranti e sicurezza, Minniti: “Vedo luce in fondo al tunnel”

Migranti, sicurezza e terrorismo: nel rapporto di Ferragosto il ministro Minniti illustra i dati positivi. “Vedo la luce in fondo al tunnel”.

“Abbiamo esaminato la situazione dell’ordine pubblico e possiamo parlare di un quadro tutto sommato tranquillo: nei primi sette mesi siamo riusciti a coniugare accoglienza con sicurezza, e ci sono le condizioni per proseguire su questa strada”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Marco Minniti, intervenuto al Comitato nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica di Ferragosto.

Il ministro ha spiegato che nei primi sette mesi dell’anno sono state emanate 67 espulsioni, mentre se si guarda a un quadro più ampio, cioè dal 1 gennaio 2015 in poi, le espulsioni totali ammontano a 199.

Inoltre, il governo si dice anche soddisfatto per come sta evolvendo la situazione relativa alla sicurezza: i delitti sono in calo del 12%, gli omicidi del 15% e gli atti riconducibili alla criminalità organizzata del 41%. In netto calo anche rapine e furti. Per quel che riguarda la minaccia terrorismo, invece, Minniti ha spiegato: “Il rischio rimane alto ma per il momento non c’è sentore di alcuna minaccia imminente”.

Nonostante ci siano segnali positivi per quel che riguarda terrorismo, criminalità e immigrazione, Minniti non se le è sentita di dire che siamo fuori dal tunnel. Tuttavia, ha precisato, “stiamo quanto meno cominciando ad intravedere la luce alla fine del tunnel”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code