Microsoft investe nella Marijuana legale: ecco il progetto

Microsoft rompe ogni tabù e decide di investire nella marijuana. Il progetto – messo in piedi con la collaborazione della startup Kind – mira a mettere in piedi un software a cui potranno rivolgersi tutti i produttori di cannabis negli Stati in cui chiaramente la commercializzazione della pianta è legale.

Un’operazione innovativa e coraggiosa, ma che al di là di questo è soprattutto motivata dal business: dal momento in cui il proibizionismo sta crollando in ogni dove, Microsoft ha capito che la legalizzazione dilagante della marijuana potrebbe portarla ad aumentare il proprio giro di affari. Non è un caso, infatti, se nei prossimi mesi saranno altri cinque gli Stati che dovranno pronunciarsi sulla possibile legalizzazione ad uso medico e ricreativo della sostanza.

Fino a questo momento solo alcune banche si erano spinte ad offrire conti correnti alle aziende che lavorano nella coltivazione e nella vendita della marijuana, e a quanto pare, con la discesa in campo di Microsoft, oramai un tema che fino a ieri era tanto delicato sta diventando sempre più popolare.

“Crediamo che nel settore ci sarà una crescita significativa. Con la regolamentazione dell’industria, ci saranno più transazioni e quindi riteniamo ci debba essere bisogno di strumenti più sofisticati per far fronte alla domanda”, ha affermato su questo proposito Kimberly Nelson, dirigente interno a Microsoft.

Il fatto stesso che il partner chiamato a costruire questo software con Microsoft sia Kind, poi, non cade mica a caso: Kind è una startup che si occupa di distribuire marijuana e di fornire assistenza alle aziende del settore e alle banche che vogliono affacciarsi su questa realtà, per cui dal canto suo ha già una certa esperienza in questo segmento di mercato tanto particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code