Juno, la sonda spaziale raggiunge Giove: una missione epocale

Juno è partita: la sonda spaziale va alla conquista di Giove dove effettuerà importanti esperimenti. La Nasa: “E’ la missione più difficile di sempre”.

Scott Bolton, responsabile scientifico della Nasa, l’ha definita “la missione più difficile che la Nasa abbia mai compiuto”. E infatti il lancio della sonda Juno da parte dell’agenzia spaziale Usa è un evento che sta affascinando milioni di persone in tutto il mondo e che sta appagando le aspettative di tutto il team di ricerca che ha preso parte al progetto. Il motivo? Molto semplicemente perché mai fino ad ora un veicolo era riuscito ad avvicinarsi tanto a Giove, il pianeta più grande del nostro Sistema Solare!

La sonda Juno lanciata su Giove si serve di nove strumenti, due dei quali italiani, con l’obiettivo di raccogliere dati utili su Giove che potrebbero fornire una risposta a tutte le domande rimaste ancora aperte a proposito di questo immenso pianeta. Per raggiungere il punto voluto, Juno ha quindi acceso il suo motore per poco più di 35 minuti: “Il mio motore principale è partito, sto bruciando, bruciando, bruciando per te, Giove!”, appare scritto nel tweet pubblicato dalla Nasa proprio al momento del lancio.

E pensare che questo lancio era davvero difficile, perché presupponeva che la sonda fosse posizionata in modo preciso e che non si sarebbe dovuto verificare alcun imprevisto: era sufficiente che un particolare anche minimo non fosse stato soppesato abbastanza per far sì che Juno avrebbe mancato l’entrata nell’orbita, partendo per la tangente e bruciando un miliardo di dollari stanziati per questa missione.

Ma tutto sembra essere andato per il meglio e ora Juno, che sta ruotando appunto intorno a Giove, resterà a controllare questo pianeta gigante per 20 mesi. Juno dovrà penetrare nelle nubi che avvolgono il pianeta, dovrà elaborare una mappa del suo immenso campo magnetico ed esaminarne l’atmosfera per conoscere la composizione del nucleo di Giove; dopo di che dovrà partire alla ricerca di acqua, dettaglio questo molto utile per capire a quale distanza dal sole abbia avuto origine il pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code