Canone Rai in bolletta: salasso iniziale da 70 euro. E’ il caos

Ai primi italiani stanno arrivando le bollette elettriche di luglio con tanto di canone Rai incluso. Ma qualcosa ha scatenato l’inferno.

Ancora deve arrivare a tutti gli italiani ma ha già provocato un generale malcontento. La bolletta elettrica del mese di luglio che conterrà la prima tranche del pagamento del canone Rai è attesa da milioni di italiani, ma ieri sono spuntate sui social delle prime testimonianze di chi, aprendo la bolletta emessa dal suo fornitore di energia, si è ritrovato con un’aggiunta del canone Rai di 70 euro. La reazione di molti utenti è stata tutt’altro che positiva e accondiscendente, ma per quale motivo si è scatenato il putiferio?

Anche se la questione del canone Rai in bolletta è stata trattata in molte occasioni, il contribuente medio probabilmente non si aspettava che il conguaglio avvenisse secondo questo criterio: la maggior parte degli utenti sapeva che da luglio sarebbe arrivato l’addebito del canone tv, ma non credeva certo che si partisse già con una cifra del genere.

Eppure l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto opportuno addebitare tutti in un’unica soluzione i mesi che sono passati da inizio 2016: da gennaio a luglio sono sette mesi, e per 10 euro al mese di canone ammonta appunto a 70 euro la spesa da pagare subito per “recuperare il tempo perso”.

In segno di protesta molti utenti hanno allora provato a contattare i loro gestori di energia elettrica e chiesto di poter pagare soltanto la parte relativa ai consumi della bolletta, evadendo di fatto i 70 euro di canone Rai. E per loro soddisfazione, si sono sentiti rispondere dai gestori che “se pagate i consumi, non possiamo staccarvi l’utenza”. Ci si prepara insomma ad una evasione di massa del canone televisivo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code