Confindustria, Boccia prende la parola: “Non chiediamo la luna”

Confindustria chiede al governo scelte “selettive” con la prossima legge di Stabilità. E non vede di buon occhio i 7 miliardi per gli statali.

Per costruire una buona legge di Stabilità è indispensabile che il governo abbia il coraggio di fare “scelte selettive”. Confindustria, per voce del suo presidente Vincenzo Boccia, esorta il premier Renzi e il ministro Padoan a “fare poche cose intelligenti che siano nell’interesse del Paese”.

Intervenendo al meeting di Comunione e Liberazione, in risposta a chi gli chiedeva della possibilità di destinare 7 miliardi di euro per il rinnovo dei contratti pubblici, Boccia ha detto senza troppe esitazioni: “Se abbiamo una manovra da 25 miliardi e ne aggiungiamo altri 7 mi sembra che facciamo Bingo, e se pure noi ci mettiamo qualcosa allora l’assalto alla diligenza lo facciamo in un secondo. Il problema è che con poche risorse alla mano bisogna fare scelte selettive e pensare di più a ciò che è nell’interesse del futuro del Paese”.

Pur con qualche riferimento ironico, Confindustria non si dice insomma poi così d’accordo in merito al fatto che in queste condizioni di precarietà di fondi, 7 miliardi di euro debbano finire per rimpolpare il settore pubblico. “Non possiamo chiedere la luna”, si sente dire a più riprese tra gli industriali.

“Se riuscissimo a fare operazioni sulla produttività e sugli investimenti privati, diamo una linea di politica economica che determina anche quale industria del futuro vogliamo costruire”, ha poi concluso Boccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code