Italia pone il veto sul Bilancio Ue. Renzi: “Basta prese in giro”

L’Italia pone il veto e blocca il Bilancio Ue: poche risorse a garanzia delle priorità vere, e favoritismi verso quei Paesi che “alzano i muri”.

L’Italia ora gioca sul serio. Il governo Renzi pone il veto alla proposta di compromesso avanzata dalla presidenza slovacca per la revisione di mid-term del Bilancio pluriennale Ue.

Il motivo del veto è semplice: il governo italiano non considera accettabile la proposta, perché mancano garanzie per l’aumento delle risorse a favore di quelle che per l’Italia rappresentano vere e proprie priorità, come immigrazione, sicurezza, disoccupazione giovanile o programmi per la ricerca. Ad annunciare il veto è il sottosegretario Sandro Gozi a margine del Consiglio per gli Affari Generali a Bruxelles.

“Ci siamo mossi in questo modo – spiega Gozi – perché crediamo che quella avanzata in Europa sia una proposta su cui dobbiamo avere ulteriori garanzie in merito al reale aumento di risorse per le nostre priorità”. Gozi ci tiene a precisare che “non siamo né nazionalisti e tanto meno populisti. Siamo solo molto stanchi delle ambiguità e delle contraddizioni che tengono in scacco l’Unione Europea”.

Il premier Renzi approfondisce ulteriormente i termini della questione, spiegando che Bruxelles “aveva intenzione di lasciare che fossero i siciliani a farsi carico dell’immigrazione e delle rispettive soluzioni. E poi riempiono di soldi i Paesi europei che non accettano non soltanto un accordo che loro stessi hanno firmato, ma che con i nostri soldi ci alzano persino i muri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code